in ,

Un social café. L'idea di Alberto e Irene. A Milano

“Agli inizi abbiamo pensato di aprirlo all’estero, in Francia, dove ho insegnato per due mesi. Poi, però, abbiamo deciso di rimanere in Italia. La nostra, lo sappiamo, è una sfida tosta. Non è facile oggi avviare un progetto nel nostro Paese, ma, testardi, ci stiamo provando. E la nostra idea è un omaggio a Milano, la mia città”. http://www.cofficemilano.it 

A parlare sono Alberto Barazzetti, nato ventisette anni fa nel capoluogo lombardo, maestro di snowboard e sua moglie Irene Maestri, 25 anni, mantovana, insegnante di sci, che, sette giorni fa, hanno aperto Coffice Milano, il primo Social Café di Milano, nella zona di Porta Romana.

Cento metri quadrati in tutto dalle tinte pastello, design nordico, dove puoi mangiare, lavorare, studiare, condividere progetti, organizzare meeting, eventi e rilassarti.  Un format originale, dove si paga solo il tempo trascorso.

Coffice infatti punta su un’offerta di servizi integrati che includono: la connessione wifi illimitata ad alta velocità, postazioni di lavoro dedicate a pc e tablet, scanner e stampanti oltre ad aree di co-working e meeting, per un totale di 40 posti. Ci sono poi angoli relax con divani e poltrone, in cui organizzare incontri informali e un corner dedicato al book sharing.

“L’idea – spiega Alberto – ci è venuta quando eravamo a Parigi. Una sera siamo entrati in un bar come il nostro e abbiamo scoperto questo format, che esiste già anche a Londra, ma che è nato in Russia col nome di Ziferblat. http://london.ziferblat.net  Nella capitale francese ne hanno aperti tre in due anni. Coffice Milano in realtà è un po’ diverso da quello parigino. Noi sfruttiamo la bravura e la fantasia di Irene in cucina per proporre panini, insalate e un paio di piatti con cibi genuini. Il nostro menù non è molto variegato, perché stiamo puntando su altri servizi. In ogni caso per chi vuole, ci sono un microonde e un frogorifero. In futuro vorremmo aggiungerne altri servizi per i bambini, anche se servirebbe uno spazio maggiore”.

Ma come funziona Coffice Milano? “Da noi – dice Irene – solo il tempo trascorso ha un costo. Per accedere al Social Cafè basta una tessera personale, consegnata all’arrivo, su cui viene segnato l’orario di ingresso e quello di uscita per calcolare le ore che hai trascorso. La prima ora costa 4 euro, dopo la prima ora ogni mezzora costa 1,50 euro. Ci sono tre tipi di abbonamento: uno giornaliero da 14 euro, uno settimanale da 65, un altro mensile da 200 euro. In genere viene da noi il libero professionista che ha bisogno solo di uno spazio per lavorare o rilassarsi e consuma pochissimo”.

Top secret sull’investimento. Alberto si limita a dire che suo padre li ha aiutati tanto.  “Avevamo intenzione di trasferirci – aggiunge– ma poi ci siamo detti: perché non provare a dare fiducia a Milano e ai milanesi? Pensiamo che questa città saprà apprezzare il nostro coraggio. Ho insegnato all’estero per alcuni mesi. Poi quando è nata Bianca, nostra figlia, un anno fa, abbiamo sentito il desiderio di tornare. Aprire Coffice è stato tostissimo. Abbiamo impiegato parecchi mesi per trovare la zona adatta. Qui, si sa, gli affitti sono alti e per partire dovevamo cercare qualcosa di più economico, nello stesso tempo spazioso e luminoso. Per fortuna abbiamo potuto contare sul sostegno delle nostre famiglie. In futuro? Coffice sarà una grande community e siamo sicuri che andrà bene. Ci sentiamo tosti 10 perché siamo giovani e ci siamo lanciati in un progetto davvero originale. In Italia ne esiste solo uno a Roma, aperto da pochissimo. Il nostro obiettivo è aprirne altri in tutto il Paese”.

                                                                                                                                                                                                  Cinzia Ficco

 

Comments

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Commenti

0 commenti

What do you think?

Written by Cinzia Ficco

Satolli: È ora che lo Stato ci dia "credito"