in

Firenze , domani al liceo scientifico Leonardo da Vinci ultimo appuntamento con le lezioni di Giancarlo Passarella

Quale potrebbe essere la colonna sonora delle “sardine”? Come si costruisce un videoclip? E cos’è una radio libera? E ancora, quanto è importante una copertina per un cd? Ha la stessa valenza che aveva per un vinile?

Sono alcuni dei temi affrontati dal giornalista Giancarlo Passarella https://www.magazine.tipitosti.it/storie/francobolli-in-cambio-di-musica-lidea-di-giancarlo-passarella/,  nelle lezioni tenute al liceo scientifico Leonardo Da Vinci di Firenze tra Novembre e Dicembre scorsi, nelle ore di inglese, italiano e storia, e che si concluderanno domani tra la terza e la quarta ora.

“Un progetto unico – spiega Passarella- voluto dal vicepreside, Giovanni Ballerini, in cui ho coinvolto alcuni docenti e che doveva servire a stimolare il senso critico dei ragazzi. Credo che per arrivare a loro la musica sia il linguaggio migliore, il più diretto. Nelle scuole oltre a Dante, Shakespeare, Pascoli dovrebbe esserci, per esempio, un De André. Nel mio percorso con gli studenti ho parlato delle mie esperienze nel mondo delle radio libere. Ho cominciato a giugno del ‘76 quando la musica aveva un linguaggio dirompente e serviva a veicolare messaggi politici. Oggi la musica è scollegata dalla politica e serve solo a chi si subordina a certe logiche commerciali. Non sono un nostalgico, ma è importante conoscere la storia, e sapere come si è arrivati, per esempio, alla musica rap, che tanto amano”.

Nel suo percorso didattico in orario scolastico, Passarella si è divertito anche ad analizzare le copertine di alcuni vinili: quella carica di simbolismi degli Stryper e quella censurata dei Beatles, e aiutato i ragazzi a provare ad interpretare alcuni testi: Another brick in the wall dei Pink Floyd, Grazie dei fiori di Nilla Pizzi, Fight da faida di Frankie NRG.

“Li ho scelti di epoche diverse – continua – proprio per far capire che c’è musica buona e musica non buona in ogni epoca.”. 

L’appuntamento per la chiusura del progetto – replicabile in qualsiasi scuola, intitolato: Ascolto consapevole delle canzoni moderne, è, dunque, per domani nell’aula di Fisica, dove ci saranno i ragazzi delle classi 1D, 2A, 2D e 3D, ma anche testimonials e si discuterà anche delle ipotesi di lavoro futuro in ambito musicale e giornalistico.

Ieri sera, invece, c’è stato lo spettacolo natalizio SINGING OVERNIGHT, sotto la direzione artistica di Edoardo Ballerini, una iniziativa rientrante nello stesso progetto.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Commenti

0 commenti

What do you think?

Written by .

Paola Setti: L’Italia? Un Paese di mammoni, ma non per mamme

Il primo experience center delle imprese 4.0 è nella Camera di Commercio di Bari